Ricerca per:
Motoclub nato dalla passione di alcuni amici nel 1998 di Amandola (Fm) e Montefortino (Fm).

Aquile deiSibillini SibilliniSibillini

Nel cuore del Parco Nazionale dei Monti Sibillini

Diventa nostro socio

Scopri come sostenere le nostre attività e diventare socio

Nel cuore del Parco dei Monti Sibillini

AmandolaFM FMFM

Un magico incontro tra storia, natura e leggende.

L'ambiente

La molteplicità dei paesaggi che caratterizzano questo territorio, è uno degli elementi che lo rendono straordinario; le creste aspre e selvagge della dorsale montuosa, le valli disegnate dalla forza dei fiumi, i piccoli borghi sapientemente incastonati, il centro storico in cui si mescolano in un unico respiro, passato e presente. Tutto ricorda il millenario rapporto tra uomo e natura, che si sono saputi adattare l’uno all’altro, disegnando un dipinto a due mani di mirabile bellezza.

Il territorio

Amandola rappresenta uno dei centri più importanti, per le risorse storico-culturali, per le valenze ambientali e paesaggistiche.Il centro storico, adagiato sui tre colli, Marrubbione, Castel Leone, Agello, con il suo comporsi di architetture civili e religiose, gli imponenti e sontuosi palazzi, i più nascosti e graziosi vicoli, raggiunge i 550 metri s.l.m. dove la tradizione vuole si trovasse il mandorlo, assurto ad emblema del Comune. Il territorio di Amandola, si incunea triangolarmente tra quello dei Comuni di Montefortino e Sarnano, andando a toccare al vertice la linea di cresta dei Monti Sibillini, alla quota di 1895 metri di altitudine, per poi aprirsi ed abbracciare l’alta Valle del Tenna e scendere attraverso un susseguirsi di colline fino a 300 metri s.l.m.

La storia

Questo borgo ricco di storia e di natura trae il suo nome dalla pianta del mandorlo che, la leggenda vuole, primeggiasse sulla sommità di Castel Leone, uno dei tre castelli che, insieme a Marrabbione e Agello, andarono a costituire nel 1248 il Comune. Una visita al centro storico di Amandola è davvero affascinante: il suo cuore è rappresentato da piazza Risorgimento, sede del Palazzo Comunale, vi si arriva da Porta San Giacomo, nella cui sommità sovrasta l'antico orologio. Ci sono poi il santuario del Beato Antonio, il torrione del Podestà, il Museo del paesaggio ed il Chiosco di San Francesco.

Motoraduno della pancetta 28 e 29 Maggio 2022

Il programma è denso di appuntamenti, visite guidate, giri turistici e spettacoli in piazza e, ovviamente, non mancherà LA NOSTRA PANCETTA